Caro omofobo sono omosessuale e mi accetto così come sono! E tu?

Riflessioni tratte da storywrite.com del 11 Agosto 2007, liberamente tradotte da Luca Giacomelli “Ehy, sei gay? L’omosessualità è una cosa  sbagliata! Dio ha creato Adamo ed Eva, non Adamo  e Evan!”. E allora? Gli umini hanno pur dovuto riprodursi. Inoltre siamo o no fatti a immagine e somiglianza di Dio? Come potremmo esistere se Lui non ci volesse? Leggi tutto… Continua a leggere Caro omofobo sono omosessuale e mi accetto così come sono! E tu?

Il coraggio di affrontare l’omofobia che è dentro di noi

Riflessioni di Maurizio Mistrali, medico chirurgo-psicoterapeuta Il tema dell’omofobia interiorizzata è un tema che richiede coraggio per essere affrontato. Il rispetto per se stessi  è una virtù civile ed un ottimo strumento d’igiene mentale. Nelle persone omosessuali è corroso “nelle sue radici” dal senso d’indegnità, dai sensi di colpa, di incapacità prodotti dall’omofobia interiorizzata, che considero un ottimo “apripista” per la depressione. Leggi tutto… Continua a leggere Il coraggio di affrontare l’omofobia che è dentro di noi

Nel cuore di tenebra del mondo tante storie di ordinaria omofobia

. L’Omofobia, "pregiudizio e odio irrazionale nei confronti delle persone omosessuali", ha mille declinazioni. L’omofobia non è solo scritte volgari sui muri o offese lanciate per strada, a scuola, al lavoro ma porta a pestaggi, a minacce e ad avvilenti tentavi di far "guarire" le persone dalla loro omosessualità. Su gionata.org. abbiamo raccolto già oltre centoquaranta testimonianze, articoli, riflessioni che raccontano l’ordinaria omofobia che vivono ogni giorno, sulla loro pelle,  tanti gay, lesbiche e transessuali in Italia, nel mondo, nella società e, purtroppo, anche nelle loro chiese. Leggi pure le loro storie su http://www.gionata.org/omofobia/storie-e-riflessioni-2.html e ricorda che  in tutt’Italia dal … Continua a leggere Nel cuore di tenebra del mondo tante storie di ordinaria omofobia

Sull’omosessualità. Le oscure origini di un pregiudizio

Riflessioni di Tiberiano Nella nostra società, così tecnologicamente sviluppata, ci si sta rendendo sempre più conto che il relazionarsi con gli altri è divenuto più difficile: sono evidenti difficoltà  nel gestire i rapporti con i familiari, il partner, il vicinato, i colleghi e perfino con gli amici più intimi. E’ improbabile che un essere umano riesca a vivere in modo gratificante in assoluta solitudine. Nelle metropoli, anche chi vive da solo si relaziona regolarmente con altre persone; e d’altra parte, quasi tutti noi abbiamo acquisito una certa esperienza in termini di rapporti sociali. Leggi tutto… Continua a leggere Sull’omosessualità. Le oscure origini di un pregiudizio

Se Dio avesse voluto che accettassi i gay mi avrebbe spinto a farlo

Riflessioni  di  Jane Kendricks  tratte da The Onion del 13 ottobre 2009, liberamente tradotte da Lara Non metto in discussione Dio. Il Signore è il mio Pastore e non metterò nessuno davanti a Lui.   Ecco perché so che, se il piano di Dio avesse previsto che io smettessi di condannare ferocemente gli altri solo a causa delle loro preferenze sessuali, egli mi avrebbe dotata – in tutta la Sua infinita saggezza – della più piccola dose di empatia umana necessaria a farlo. E’ una semplice questione di logica, davvero. Dio mi ha creata così come sono, e io sono una … Continua a leggere Se Dio avesse voluto che accettassi i gay mi avrebbe spinto a farlo

Le chiese battiste, metodiste e valdesi di fronte alla mentalità omofoba

Articolo di Claudia Angeletti tratto dal settimanale Riforma del 23 ottobre 2009 È successo ancora: Unione Europea e Onu sono costrette a far notare all’Italia che si sta ponendo fuori dal quadro di riferimento democratico dei paesi civili e dagli standard minimi delle convenzioni internazionali sui diritti delle persone. È successo stavolta in relazione alle persone omosessuali e all’affossamento del progetto di legge Concia sull’omofobia della scorsa settimana. Una legge necessaria a tutelare le persone omosessuali dalla violenza di cui sono fatte segno negli ultimi tempi con una frequenza (quotidiana), una virulenza (mazze da baseball, temperini, pugni) e uno spettro … Continua a leggere Le chiese battiste, metodiste e valdesi di fronte alla mentalità omofoba

Gli adolescenti raccontano la loro lotta contro l’omofobia quotidiana

Testimonianze tratte da Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender Rights: A Human Rights Perspective dell’Human Rights Resource Center (University of Minnesota), edite  da Amnesty International USA e Lesbian and Straight Education Network (GLSEN) nel  2000, liberamente tradotte da Erica Queste sono le testimonianze personali di un’insegnante e di alcuni studenti che hanno deciso di raccontare le loro esperienze nei riguardi dell’omofobia. Le testimonianze dalla prima alla sesta sono state scritte da studenti lesbiche o gay, la settima da un’insegnante e dall’ottava  alla decima sono state scritte da studenti etero. Tutte queste testimonianze sono tratte da materiali dell’ associazione GLSEN (corrisponde alle … Continua a leggere Gli adolescenti raccontano la loro lotta contro l’omofobia quotidiana

Diversi da chi? I pregiudizi sui gay e le lesbiche che alimentano l’omofobia

Testo tratto da Combattre l’homophobie pour une école ouverte à la diversité, guida edita dal Ministro della Comunità francese del Belgio, 2008, pp.23-26, liberamente tradotta da Dino Accettare l’altro con le sue diversità implica molto spesso una revisione delle proprie paure dei propri pregiudizi e anche del proprio modo di esprimersi. Spesso si sente dire che le persone omosessuali o bisessuali sono anormali, malate, immorali o addirittura pervertite. Ma l’omosessualità non è più considerata una malattia mentale dall’American Psichiatric Association fin dal 1973, mentre la bisessualità non è mai stata considerata una malattia dalle scienze psico-mediche. Leggi tutto… Continua a leggere Diversi da chi? I pregiudizi sui gay e le lesbiche che alimentano l’omofobia

Senza scampo. La strage degli omosessuali iracheni

Articolo tratto da cristianosgays.com del 15 settembre 2009, liberamente tradotto da Dino Raccapricciante l’articolo che possiamo leggere su Dosmanzanas nel quale si parla di un assassino reo confesso di omosessuali (ndr in Iraq) che, con estremo cinismo, riferisce i suoi metodi. L’aspetto più terribile è che qualcuno l’ha imbottito di pregiudizi e di argomenti pseudoreligiosi per giustificarsi e per giustificare quello che fa. Leggi tutto… Continua a leggere Senza scampo. La strage degli omosessuali iracheni

Cosa significa dare un segnale concreto contro l’omofobia?

Riflessioni di Andrea Rubera del gruppo Nuova Proposta, donne e uomini omosessuali cristiani di Roma Cosa significa dare un segnale concreto contro l’omofobia? Significa per le persone lesbiche, gay, bisex e trans (LGBT) rivendicare a chiara voce e a testa alta di essere cittadini italiani con uguali diritti e uguali doveri. Ma dovrebbe significare qualcosa anche per gli altri, gli eterosessuali. Significa ribellarsi al fatto che ci sia una minoranza di persone che, in virtù del loro orientamento sessuale, siano discriminate, fatte oggetto di violenza, o, nel migliore dei casi, non ritenute degne di ricevere le stesse garanzie degli altri … Continua a leggere Cosa significa dare un segnale concreto contro l’omofobia?