Con Dio nella valle tenebrosa

Riflessioni di Lidia Maggi dal settimale Riforma del 4 novembre 2010

Sentire di non essere soli, di essere accompagnati da chi si prende cura di noi e viene incontro ai nostri desideri, appartiene all’alfabeto di base della condizione umana.
È la prima esperienza che facciamo quando veniamo alla luce. È l’abbraccio materno che ci apre alla relazione. È la voce dei nostri genitori che ci strappa al silenzio insegnandoci il linguaggio. Nella solitudine un bambino muore.

Leggi tutto…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...