Il Levitico e l’omosessualità. Quale è la giusta lettura della legge di Dio?

Immagine attivaRiflessioni del Rev. Timothy Shirley della Virginia-Highland Baptist Church di Atlanta, liberamente tradotte da Ventmauvais

Il Levitico è noto come il libro biblico dove si condanna l’omosessualità “senza ma e senza sé”, peccato che insegni anche "che le donne sono immonde durante il loro ciclo mestruale (cfr Levitico 15,19).
Ecco perché neanche il cristiano più fondamentalista proclamerebbe che tutta legge levitica è parola infallibile di Dio, anche perché il Levitico è un commento della Legge Divina strettamente legato al suo tempo.
Ecco perché leggere la Bibbia con un po’ di buon senso non ha mai fatto male a nessuno!

Leggi tutto..

Annunci

10 pensieri su “Il Levitico e l’omosessualità. Quale è la giusta lettura della legge di Dio?

  1. Ah.. il levitico e’ stato scritto da sacerdoti e non da scienziati o storici, per quello contiene delle stronzate e dell’incitamento all’odio e alla violenza.
    Ma un momento… non erano quelle parole ispirate da dio ??????

    “Quando gli uomini inventarono dio, non sapevano ancora che c’era da spiegare l’universo” !!!!!

  2. Durante il Forum di Albano Laziale, durante il workshop che abbiamo dedicato alla Bibbia abbiamo letto appunto i due capitoli del Levitico in cui si condanna l’omosessualità. Alla fine di questo momento mi sono rammaricato del fatto che nessuno di noi avesse registrato le tantissime cose che sono state dette. Di sicuro posso dire, per aver partecipato a quell’esperienza, che durante questo incontro abbiamo potuto sperimentare come anche la legge di Santità del Levitico sia riuscita a manifestarsi ai nostri cuori, come una parola pronunciata da Dio rivolta a ciascuno di noi.
    Nell’introduzione, in particolari, abbiamo ricordato che l’esperienza della lettura della Bibbia é simile all’esecuzione di un concerto da parte di un solista: c’é infatti lo spartito, che é il testo che ci troviamo davanti, un testo in cui l’autore ha cercato di rendere con fedeltà dei sentimenti e delle emozioni profonde che gli si erano manifestate in forma di intuizione musicale; ci sono gli strumenti che suonano questa partitura, che siamo noi che ci mettiamo in ascolto di questo testo e che cerchiamo di cogliere il significato che può avere per ciascuno di noi; c’è poi l’interprete che é lo Spirito Santo che opera in noi e che interpretando un testo scritto ricrea i sentimenti e le emozioni che ne hanno portato alla scrittura di quel testo.
    Leggendo insieme il Levitico abbiamo scoperto che i sentimenti e le emozioni che hanno guidato Dio nell’ispirare la scrittura di quel testo (sempre ammesso che di sentimenti e di emozioni si possa parlare) sono molto diversi da quelli che si sono poi risolti nella condanna dell’omosessualità maschile.
    In questi giorni sto cercando di rimettere insieme alcuni stralci di quel ricchissimo momento di comunicazione e spero di poterlo condividere nelle prossime settimane.
    Un abbraccio
    Gianni Geraci

  3. A me, mi perdonerà la Chiesa, ma il fatto che le sacre scritture vanno interpretate in base al periodo storico, non mi ha mai convinto.

    Io credo (perchè tengo il cervello acceso) che un principio di ispirazione divina, alla base della stesura di un testo, non possa “inciampare” al punto da richiedere attenzione circa il contesto sociale del periodo storico in cui è stato concepito. Sono un sociologo e so bene che all’epoca l’omosessualità era osteggiata perchè disadattiva e disfunzionale al contesto socioeconomico. Però ecco, un testo sacro dovrebbe essere un pochetto più universale di così. Forse dovrebbe rivolgersi a tutti i popoli di tutte le nazioni in tutti i tempi.

    E’ troppo chiedere al padre eterno di non ispirare scritture che vadano contro al semplice diritto che le persone hanno di esistere?

  4. Nell’odierna società pluralista e tollerante le persone ci pensano due volte prima di esprimere un giudizio morale. Ci viene detto che sarebbe politicamente scorretto farlo. Sembra quasi che il peccato più grande sia giudicare le azioni altrui. L’idea è: ‘Quello in cui credi può andar bene per te, ma non devi cercare di imporlo ad altri. Ormai ognuno imposta la propria vita seguendo valori soggettivi. Nessuno ha il monopolio della verità morale. I valori in cui credono gli altri sono validi quanto i tuoi’.
    Questi ragionamenti hanno influito anche sul modo di parlare della gente. Di rado la parola “peccato” viene usata in contesti seri e nel senso proprio del termine. Non si dice più che due “vivono nel peccato”, ma che “vivono insieme”. E non sono più definiti “adulteri”: semplicemente “hanno una storia”. Quanto all’omosessualità, oggi si preferisce parlare di “stile di vita alternativo”.
    Senza dubbio c’è stato un cambiamento in ciò che le persone sono pronte ad accettare come “normale” o a condannare come “peccaminoso”. Qual è la ragione di questa tendenza? Che fine ha fatto il peccato? Fa differenza quello che pensiamo al riguardo?

  5. È vero che i cristiani non sono sotto il patto della Legge Mosaica, ma le norme contenute nel libro di Levitico li aiutano a capire il punto di vista di Dio. Questo libro non è affatto un arido elenco di particolari inapplicabili, ma una vivida fonte di informazioni. Acquistando conoscenza di come Dio vede le cose, a volte in merito ad argomenti che non sono trattati particolareggiatamente nelle Scritture Greche Cristiane, il cristiano può essere aiutato a evitare ciò che dispiace a Dio e a fare ciò che Gli è gradito.

  6. Invece di usare il libro di levitico…quello che voi considerate antico e sorpassato, potreste usare quello scritto dall’apostolo Paolo in Romani 1:24 Perciò Dio, secondo i desideri dei loro cuori, li ha abbandonati ad impurità, affinché i loro corpi siano disonorati fra loro, 25 essi, che hanno cambiato la verità di Dio in menzogna e hanno venerato e reso sacro servizio alla creazione anziché a Colui che creò, il quale è benedetto per sempre. Amen. 26 Per questo Dio li ha abbandonati a vergognosi appetiti sessuali, poiché le loro femmine hanno mutato il loro uso naturale in uno contro natura; 27 e similmente anche i maschi hanno lasciato l’uso naturale della femmina e nella loro concupiscenza si sono infiammati violentemente gli uni verso gli altri, maschi con maschi, operando ciò che è osceno e ricevendo in se stessi la piena ricompensa dovuta al loro errore. 28 E siccome non hanno approvato di ritenere Dio nell’accurata conoscenza, Dio li ha abbandonati a un disapprovato stato mentale, affinché facciano le cose sconvenienti,

  7. “Il fatto che l’omosessualità non sia compresa nella Bibbia allo stesso modo in cui lo è oggi non invalida dunque affatto il giudizio formulato […] Sarebbe errato pensare che Paolo interpreti la Legge ignorando il contesto degli scritti veterotestamentari. Ciò non viene considerato dall’apostolo, perché le circostanze di uno scritto biblico non diminuiscono affatto il suo valore ispirato […] Il contesto storico è cambiato, ma la legge enunciata rimane valida […] Paolo indica come questo messaggio valga per tutta l’umanità e per tutti i tempi. Sarebbe dunque erroneo rifiutare il valore di questa analisi per il nostro tempo, con il pretesto di un contesto storico particolare. L’intenzione dell’autore è chiaramente universalizzante. Questo fatto contraddice ogni posizione che affermerebbe che gli atti sessuali non hanno un valore etico in sé, senza un riferimento alla vita delle persone, agli schemi culturali e alle circostanze. In tal caso, forme di sessualità riconosciute universalmente come aberranti (l’incesto, la pedofilia, la zoofilia, ecc.) sarebbero suscettibili un giorno di essere riconosciute come buone se corrispondenti, per esempio, agli schemi culturali di un’epoca!”

  8. Levitico 18:22: Non devi giacere con un maschio come giaci con una donna. È cosa detestabile.

    Levitico 20:13: Nel caso che un uomo giaccia con un maschio come si giace con una donna, entrambi hanno fatto una cosa detestabile. Devono essere messi a morte immancabilmente. Il loro proprio sangue è su di loro.

    1 Corinti 6:9-11: Che cosa! Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non siate sviati. Né fornicatori, né idolatri, né adulteri, né uomini tenuti per scopi non naturali, né uomini che giacciono con uomini, né ladri, né avidi, né ubriaconi, né oltraggiatori, né rapaci erediteranno il regno di Dio. E questo eravate alcuni di voi. Ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati dichiarati giusti nel nome del nostro Signore Gesù Cristo e con lo spirito del nostro Dio.

    1 Timoteo 1:8-11: Ora noi sappiamo che la Legge è eccellente purché sia usata lecitamente, sapendo questo fatto, che la legge non è promulgata per il giusto, ma per gli illegali e gli insubordinati, gli empi e i peccatori, quelli privi di amorevole benignità e i profani, patricidi e matricidi, omicidi, fornicatori, uomini che giacciono con maschi, rapitori di uomini, bugiardi, spergiuri, e qualsiasi altra cosa che sia opposta al sano insegnamento secondo la gloriosa buona notizia del felice Dio, che mi fu affidata.

    Genesi 19:4-11: Prima che potessero coricarsi, gli uomini della città, gli uomini di Sodoma, accerchiarono la casa, dal ragazzo al vecchio, tutto il popolo in una turba. E chiamavano Lot e gli dicevano: “Dove sono gli uomini che sono entrati da te questa notte? Portaceli fuori affinché abbiamo rapporti con loro”. Infine Lot uscì verso di loro all’ingresso, ma chiuse la porta dietro di sé. Quindi disse: “Vi prego, fratelli miei, non agite male. Vi prego, ecco, ho due figlie che non hanno mai avuto rapporti con un uomo. Vi prego, lasciate che ve le porti fuori. Quindi fate loro ciò che è bene ai vostri occhi. Solo non fate nulla a questi uomini, perché per questo sono venuti all’ombra del mio tetto”. A ciò dissero: “Fatti indietro!” E aggiunsero: “Quest’uomo solitario venne qui per risiedere come forestiero eppure vuole realmente fare da giudice. Ora faremo a te peggio che a loro”. E premevano gravemente sull’uomo, su Lot, e si accostavano per forzare la porta. Gli uomini stesero dunque le mani e trassero a sé Lot, nella casa, e chiusero la porta. Ma colpirono di cecità gli uomini che erano all’ingresso della casa, dal più piccolo al più grande, così che si stancavano cercando di trovare l’ingresso.

  9. Sono solo altre scuse per difendere l’indifendibile. Anche se non fossero ispirate dal divino, e quindi il divino non condannasse l’omosessualità ecc., miei cari ipocriti con gli occhi foderati di pelle di salame per difendere questa religione malvagia che ha causato enormi sofferenze e dolori all’umanità, lo stesso Dio non ha mai impedito che milioni di uomini venissero ammazzati, torturati, derisi e umiliati per la loro sessualità, per le persone che sono. Anche se fosse vero, Dio non è mai intervenuto per togliere quella che sarebbe una gravissima menzogna dal suo libro sacro, e per prevenire che tantissimo sangue innocente fosse versato e che moltissima sofferenza fosse causata nel corso dei secoli. Smettetela di difendere l’indifendibile, e di crearvi scuse fragili quanto castelli di carta.

  10. If you might be a music lover and you want to make the music activity becomes more interesting, you should have subwoofer to complete your speaker system.
    Getting help is often definitely worth the money you
    may spend because, the correct placement based for the acoustics of one’s room is very much vital to enjoy the most effective sound.
    Here, you need to determine what sort of music you listen forever.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...