Marito&Marito. Quando il matrimonio gay irrompe in una famiglia cattolica

libroRecensione ed intervista di Innocenzo

.
Il sud, la scoperta della propria omosessualità e dell’amore, le difficoltà di parlarne in famiglia.
Questi sono i temi trattati con mano leggera e tanta ironia da Marito & Marito (2009), bel romanzo di un giovane esordiente che si firma col lo pseudonimo di Ventmauvais, storia scoppiettante di un coming out familiare un po’ particolare.

Leggi tutto..

Annunci

6 pensieri su “Marito&Marito. Quando il matrimonio gay irrompe in una famiglia cattolica

  1. Bella questa avvincente recensione di Innocenzo a “Marito e marito” e l’intervista a Ventmauvais che in modo intelligente descrive le difficoltà del coming out familiare che ancora esistono.Bella l’idea di partenza di scrivere il romanzo nata dalla scherzosa telefonata.Del resto a Lev Tolstoj apparve nel dormiveglia un’elegante signora che lo pregava di narrare la sua storia e da lì nacque “Anna Karenina”,Stevenson sogno l’inquietante “Dottor Jeckill e Mr.Hyde” e Victor Hugo nella realtà difese una prostituta dileggiata e da lì nacque Fantine e “I miserabili”.Ciò per dire che da ogni idea di partenza può nascere un romanzo.

  2. Ho appena finito di leggere il libro: l’avevo iniziato ieri sera e ho staccato quattro ore dopo solo perché avevo gli occhi che mi bruciavano.
    Se fossi stato a casa oggi l’avrei finito questa mattina, perché davvero è un libro che ti coinvolge tantissimo.
    Era da quando avevo letto «Generation fo love» di Matteo B. Bianchi che non leggevo un romanzo a tematica gay così bello.
    Complimenti davvero….

  3. credo di acquistare quel libro: è bello leggere anche storie con tematiche “gay”. A proposito di gay (e di omosessualità in genere) proprio ieri mi sono confessata con uno dei padri del Santuario che frequento, dicendogli che non sono per niente contraria alle unioni gay, ai DICO ecc. Premesso che prima di confessarmi e parlare con lui (anche per avere un confronto) lo ritenevo un sacerdote di vedute un po’ meno limitate rispetto a questo argomento. Quando ho espresso le mie idee, mi ha detto testuali parole: Sandra, non andare a dire a nessuno come la pensi, che ti prendono per pazza!… l’omosessualità è una malattia, è contronatura!”. Allora mi chiedo -anche un po’ scoraggiata- se verrà giorno in cui la Chiesa si evolverà? Considerare l’omosessualità una malattia: quanta ignoranza c’è nella Chiesa cattolica in materia di omosex!…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...