Dopo le aggressioni omofobe i gay credenti scrivono al Papa ed al card. Vallini

newsArticolo tratto da Adista Notizie n. 88 del 12 Settembre 2009

Prima l’aggressione da parte di un pregiudicato soprannominato “svastichella” a due omosessuali che si stavano scambiando effusioni all’uscita di un locale la sera del 21 agosto; poi il tentativo di incendiare il Qube, una discoteca punto di ritrovo settimanale della comunità gay della capitale, la notte del 25 agosto; infine, il primo settembre, un raid con lancio di bombe carta a via di San Giovanni in Laterano, a due passi dal vicariato, la cosiddetta gay street per la presenza di numerosi locali frequentati da omosessuali.

Leggi tutto…

Annunci

4 pensieri su “Dopo le aggressioni omofobe i gay credenti scrivono al Papa ed al card. Vallini

  1. è terribilmente vero: la Chiesa non si muove verso di noi, non c’è la volontà di fare un passo avanti, di capire che siamo anche noi ugualmente figli di Dio.
    non riesco a capire perché tante – non tutte – le persone non riescano a capire la naturalezza, la spontaneità del nostro sentimento, del nostro amore verso persone dello stesso sesso. penso che nessun omosessuale si stancherà di dire come l’attrazione verso un altro uomo/un’altra donna nasca in modo casuale, camminando per la strada, come capita agli eterosessuali.non è un turbamento interiore, non abbiamo devianze psichiche. il Signore ci ha voluto così e basta:i suoi disegni sono imperscrutabili ma intrisi d’Amore e a noi non resta che accettarli e vivere come Lui ci ha voluti.

    spero che un giorno anche la Chiesa lo capisca e ci voglia accogliere…

  2. Mi fa molto piacere che abbiano scritto al Papa e a questo cardinale sperando di trovare un po’ di solidarietà da parte soprattutto del Pontefice, il quale, quando si tratta di altre forme di violenza interviene sempre (giustamente!), ma chissà qundo si tratta di aggressioni contro i gay non sento parole di condanna da parte sua!

  3. Se Papa Benedetto XVI condannasse le violenze omofobe avvenute nella Città Eterna e in altri luoghi,la più recente una drammatica aggressione a Firenze,sarebbe un grande atto CRISTIANO e umano.Certamente molti all’interno della Chiesa sarebbero contrari ma molti altri favorevoli.E’ scritto Beati voi che avete fame e sete di giustizia.Condannare le violenze,visitare i feriti,confortare chi è nel dolore è compito del Papa.L’assurda condanna di innocenti quali gli omosessuali è in profondo contrasto con l’amore infinito vissuto e predicato da Gesù.Se il Papa non si chiude nel silenzio ma parla per riconoscere gli umani errori della Chiesa sarà una grande svolta.Ricordo quando Giovanni Paolo II andò dal rabbino Toaff nell’antica sinagoga di Roma e chiese perdono alla comunità ebraica per l’antisemitismo secolare dei vertici cattolici.Situazioni diverse ma quando la Chiesa riconosce i suoi errori riacquista valore etico e amore da parte del popolo cristiano e stima da atei e persone di altre fedi e si rinnova.

  4. Dissento personalmente dalla partecipazione di esponenti di destra alla fiaccolata di Roma di ieri 24 settembre.Se alcune associazioni Lgbt pensano che il divario tra destra e sinistra sia superato compiono un errore storico ed etico.Guardate cosa fa la destra al governo e non fatevi ingannare dalle parole.Molti gay non credenti vedono un avversario nella chiesa cattolica ma con la chiesa si può dialogare,con la destra no.Scusate se ho inserito qui la mia opinione ma non trovavo dove metterla,Lavinia Capogna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...