Una madre scrive al sindaco di Roma. Noi genitori diciamo basta all’omofobia contro i nostri figli

lettera apertaLettera aperta consegnata da Francesca Marcecadi, Presidente Agedo di Palermo, al Sindaco di Roma il 25 agosto 2009

Le manifestazioni d’affetto in pubblico sono vietate. Questo è quello che i ragazzi devono imparare; ma non tutti i ragazzi, solo quelli gay, perchè a quelli etero è concesso.
Il fatto non solleva obiezioni in quanto discriminante, anzi è ritenuto proficuo alla morale pubblica. Non sono le manifestazioni verbali d’omofobia che turbano, ma quelle d’affetto tra persone dello stesso sesso.

Leggi tutto…

Annunci

6 pensieri su “Una madre scrive al sindaco di Roma. Noi genitori diciamo basta all’omofobia contro i nostri figli

  1. “i genitori hanno il diritto di essere orgogliosi dei propri figli gay: non malati, non deviati, non criminali”

    Io lo sono già lo sono un pò meno della gente che ho intorno e del paese in cui vivo: tutti evoluti mentalmente (a parole) ma quando si tratta di passare ai fatti …………… fanno gli struzzi 🙂

    Teniamoci stretti che insieme si vince, ciao MammaMari

  2. Cara Francesca,bella e chiara la tua lettera.Un’unica cosa come romana:non l’avrei consegnata al Sindaco di Roma ma ad una persona che abita al Quirinale,il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.Pensaci se vuoi.Un caro abbraccio a te e a tutte le mamme e i papà dell’Agedo di Palermo.

  3. Ciao a mamma Mari, se chiami telefonicamente agedo palermo i martedì dalle 17 alle 19 potremo parlarci.
    Trovi tutti i riferimenti su http://www.agedopalermo.org.
    Teniamoci strette e nascerà un mondo migliore per i nostri figli/e.

    Cara Lavinia, la lettera è stata da me scritta a nome di agedo tutta e consegnata dalla presidente nazionale agedo, Rita De Santis al sindaco di Roma durante l’incontro che questi ha tenuto con le associazioni GLBT a seguito delle violenze omofobe accadute a Roma.
    Io vorrei tanto saper dire e scrivere parole capaci di smuovere i sassi e vorrei scriverle dove tutti potessero leggerle, in cielo o sulle nuvole bianche, perchè ogni figlio/a, in qualunque parte del mondo, che soffre violenza o è ucciso a causa dell’odio gratuito è un po’ figlio di tutti noi genitori di persone gay, lesbiche, transessuali, .

  4. Cara Francesca,è molto bello ciò che scrivi.Nel precedente commento che avevo fatto avevo sconsigliato il Sindaco di Roma perché,a livello personale,ho maggior stima di Napolitano che di Alemanno.Ebbi modo di ascoltare Napolitano a Firenze nel 1986 ad un Congresso dei centri di iniziativa per la pace della Fgci(Federazione giovanile comunista)e parlò con il suo consueto buon senso e la sua chiarezza.Un abbraccio grande.

  5. Grazie Francesca senz’altro accetterò il tuo invito e contatterò l’Agedo di Palermo. Roma è una piazza molto “esposta” in questo momento ma certamente troveremo una risposta civile e democratica da contrapporre alla barbarie di chi non vuole evolversi.
    Gay è naturale in quanto è la natura che li ha fatti. 🙂
    Un abbraccio solidale e amico, MammaMari

  6. http://cairoli.simplicissimus.it/2009/07/via-achille-tedeschi-enclave-dellinferno.html
    VIA ACHILLE TEDESCHI FAREBBE ARROSSIRE ANCHE IL SINDACO DI CALCUTTA

    A pochi minuti da Quintiliani, c?è proprio via Achille Tedeschi. Giri l?angolo e sei a via Eugenio Torelli Viollier, a Largo Paolo Mattei Gentili con le sue case, i suoi condomini, i suoi negozi: la frutteria, il bar gelateria, il call center, il panificio, il centro fitness, le boutiques. A via Achille Tedeschi invece c?è una scuola che farebbe arrossire persino il sindaco di Calcutta ? bambini che giocano a moscacieca in mezzo a siringhe e preservativi usati .
    case prive d?acqua, enormi ratti neofobici che hanno fatto rabbrividire anche Micaela Campana, assessore all?ambiente del V Municipio, infestazioni di pulci e di pidocchi, polveri nocive, colonie di gatti randagi, sciami di zanzare tigre da Africa monsonica,
    Ma fossero solo i topi. L?aria a via Achille Tedeschi è irrespirabile, pesante, ha un alito cattivo, come se nel profondo conservasse il cadavere di un animale o di un uomo. Non passa giorno che la gente qui non bruci qualcosa, soprattutto immondizia.
    ALEMANNO QUESTA E’ LA ROMA CHE CAMBIA ???
    GLI ABITANTI DI VIA ACHILLE TEDESCHI SONO ANNI CHE DENUNCIANO ALLE ISTITUZIONI TALE VERGOGNA , OGGI SI RITROVANO AD AVERE RISPOSTE DAL SUO STAFF DOTT.CORBOLOTTI UNA NETTA RISPOSTA “MI AVETE ROTTO ER CAZZO”E DAL DIRETTORE DELLE POLITICHE ABITATIVE DOTT. RAFFAELE MARRA UN ESCLAMAZIONE NELLA LORO CONVOCAZIONE DI ASSEGNAZIONE DELLE CASE ;”SE FOSSE PER ME NON VI AVREI ASSEGNATO NEANCHE UNA BARACCA” E’ VERGOGNOSO CHE ANCORA IL SINDACO ALEMANNO NON ABBIA NELL’IMMEDIATO ALLONTANATO QUESTE PERSONE CHE NON SI SANNO RELAZIONARE CON IL CITTADINO .
    RAGAZZI FORZA CONTINUATE LA VOSTRA LOTTA CHE I CITTADINI DI ROMA VI SONO VICINI PERCHE’ QUESTE PAROLE NON VI DEVONO DEMORALIZZARE PERCHE’ I MALEDUCATI SONO LORO !!!
    CE NE VOGLIONO MILLE DI COMITATI “ROMPISCATOLE” COME IL CDQMONTITIBURTINI FORZE OGGI NON TROVEREMO SOGGETTI CHE SI PERMETTONO DI OFFENDERE CHI HA DATO LORO UN LAVORO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...