Gay cristiani e Chiesa cattolica. Prove di dialogo in corso a Roma e in Inghilterra

“Le donne e gli uomini omosessuali cristiani, perciò, hanno secondo me un grande compito e un grande merito. Quello di non voler rinunciare a sé, ma allo stesso tempo quello di non voler rinunciare alla propria fede e al dialogo con una Chiesa (cattolica)che spesso non si sente affatto come madre. … Oggi proviamo a sognare. Facciamo delle prove di dialogo. (Christian Albini)

Per leggere il testo dell’intervento di Christian Albini al convegno su “Omosessuali cristiani e Chiesa cattolica: prove di dialogo” (Roma, 10 gennaio 2009)
http://www.gionata.org/chiese-e-omosessualit/approfondimenti/omosessuali-cristiani-e-chiesa-cattolica-prove-di-dialogo.html

Per leggere le riflessioni di Mauro Castagnaro tenute al convegno su “Omosessuali cristiani e Chiesa cattolica: prove di dialogo” (Roma, 10 gennaio 2009)
http://www.gionata.org/chiese-e-omosessualit/approfondimenti/cosa-si-pu-chiedere-alla-chiesa-e-a-noi-stessi-per-una-sensibilit-diversa-verso-le-persone-omosessuali.html

Segnaliamo anche questo interessante testo realizzato dal The Marriage and Family Life Project Office (Ufficio per il Progetto di Vita Familiare e il Matrimonio) dei Vescovi dell’Inghilterra e del Galles per aiutare le parrocchie locali a diventare più accoglienti, amichevoli e sensibili ‘”alle famiglie e alle persone gay e lesbiche” perché “è la base del supporto spirituale che la Chiesa offre alle persone battezzate con un’inclinazione omosessuale e alle loro famiglie”.

Per leggere l’Articolo di presentazione dell’iniziativa tratto dal The Catholic Herald del 5 Dicembre 2008
http://www.gionata.org/chiese-e-omosessualit/approfondimenti/i-vescovi-inglesi-ai-sacerdoti-non-offendete-le-persone-omosessuali.html

Per leggere il testo di “Com’è la vita della tua famiglia se tu o qualcuno dei tuoi cari è lesbica o gay? E cosa può fare la tua parrocchia per fare la differenza?”
http://www.gionata.org/chiese-e-omosessualit/esperienze-pastorali/essere-vicini-alle-famiglie-e-alle-persone-gay-e-lesbiche.-le-raccomandazioni-dei-vescovi-inglesi-alla-parrocchie.html

Annunci

4 pensieri su “Gay cristiani e Chiesa cattolica. Prove di dialogo in corso a Roma e in Inghilterra

  1. L’omosessualità è uno dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio, dunque è un peccato grave…ad una lettura superficiale sembra che a causa di questo peccato Sodoma e Gomorra siano state distrutte. In verità io credo sia ben più grave che nelle due città non siano stati trovati neppure dieci guisti capaci di scongiurare il castigo, nella casta sacerdotale neppure dieci uomini erano graditi a Dio. Che il male faccia bene il suo lavoro rendendoci animali lo trovo anche scontato ma che il bene sia scomparso, che il sale della terra sia diventato insipido…questa è la vera tragedia e la causa di ogni distruzione.

  2. Gli altri tre peccati che gridano vendetta a Dio, domando, quali sarebbero? A occhio: trattare uomini e donne come esseri paritari, le persone di colore come i bianchi, i cristiani come i buddisti? Così per sapere…

  3. I peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio, nel catechismo di Pio X (che non è un testo ufficiale della Chiesa cattolica, ma che cerca di offrire una sintesi della dottrina cattolica in forma di domande e di risposte) sono:

    L’omicidio volontario.
    Il peccato impuro contro natura.
    L’oppressione dei povero
    La frode della mercede agli operai

    Una cosa che credo che sia opportuno chiedersi è la seguente: «Perché peccati così diversi tra loro finiscono in uno stesso elenco?».
    Il motivo è molto semplice e ha una sua logica: a ciascuno di questi peccati è collegato un episodio biblico in cui Dio interviene in prima persona e punisce quanti si sono resi colpevoli di questi peccati. Nel caso del «peccato impuro contro natura» l’episodio biblico di riferimento è proprio quello di Sodoma.
    Ma visto che la causa della distruzione di Sodoma sembra dovuta più al fatto che i Sodomiti non hanno accolto gli stranieri direi che, alla luce delle conoscenze esegetiche che abbiamo adesso la lista dei peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio dovrebbe diventare questa:

    L’omicidio volontario.
    Opprimere lo straniero che chiede ospitalità.
    L’oppressione dei povero
    La frode della mercede agli operai

    Alla luce di questa ultima riflessione possiamo dire che come italiani e quindi come responsabili di un governo che ha bandito l’ospitalità dal suo vocabolario, siamo tutti colpevoli del peccato che, nel capitolo 18 della Genesi, grida vendetta al cospetto di Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...