Dio non respinge le persone. Non lo faremo noi

“Dio non respinge le persone. Non lo faremo noi”. Questo è lo slogan della campagna per l’inclusività lanciata, è proprio il caso di dirlo, dalla United Church of Christ, una delle poche chiese americane che ha accettato di celebrare matrimoni gay.

Riflettendo sul tema dell’esclusione/inclusione, all’incontro dei volontari di gionata a Casa Cares (12 Aprile 2008), la pastora Elizabeth Green ricordava che “Gesù, infatti, accusa i capi religiosi di essersi allontanati dal cuore della fede d’Israele (il gran comandamento) anteponendo all’integrità, la salvezza e la liberazione degli uomini e delle donne l’osservanza di leggi, precetti e tradizioni. Non è un caso che Matteo porta a termine  questa sezione con i “guai” contro i farisei (Mt 23).

… Gesù, quindi, lancia un attacco al tempio, al tipo di religiosità e di potere che ormai rappresentava e di conseguenza  viene cacciato. Anzi viene scartato. Identificandosi con gli e le escluse (le prostitute, i peccatori e i pubblicani) e schierandosi dalla loro parte, viene egli stesso escluso”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...