I gay cristiani di Padova scrivono al giornale diocesano

lettera apertaLettera aperta del gruppo Emmanuele di Padova pubblicata su la Difesa del Popolo del 21 dicembre 2008

Trent’anni fa Giovanni Paolo II invitava i cristiani ad aprire il proprio cuore a Cristo esclamando “Non abbiate paura!”. La sua esortazione era perentoria e vigorosa; ripetuta più volte, con un’energia tale da farsi quasi rabbia, rimane nel cuore di molti.
Oggi la Chiesa rifiuta di sottoscrivere una proposta per la depenalizzazione universale dell’omosessualità presentata alle Nazioni Unite. Teme che avallare una simile mozione costituisca un passo verso il riconoscimento dei diritti civili per le coppie omosessuali. Teme che tale riconoscimento minacci la solidità della famiglia tradizionale. Una catena di paura le cui maglie si stringono in una morsa soffocante.

Leggi tutto…

4 pensieri su “I gay cristiani di Padova scrivono al giornale diocesano

  1. Che la Chiesa vada contro il matrimonio omosessuale è risaputo e questo non mi meraviglia, ma che vada anche contro i diritti civili, continua a non smentirsi in quanto ad ottusità!!! Ed ogni giorno mi sembra che la Chiesa pugnali tante persone “colpevoli” soltanto di amare una persona del proprio sesso! non ho proprio parole!…

  2. Il problema che non riuscirete mai a risolvere e’ solo uno. E pensandoci non e’ proprio un problema. Ma e’ come un precipizio. C’e’ e ci restera”! Vi spaccherete la testa se continuate a combattere contro la Parola del Dio che a parole dite di seguire! L’uomo deve amare il suo fratello! L’uomo deve amare l’uomo! L’unica cosa che e’ bene non fare e male fare e’ scoprirne la nudita’! A Dio gli fanno schifo due uomini nudi nello stesso letto che fanno come se fossero un uomo e una donna. Tutto qui! Non volete accettarlo? La testa che spaccherete sara’ la vostra stessa testa! Io vi ho avvisato! E non solo io!

  3. Fabrizio,scusa tanto ma hai una visione distorta e volgare della sessualità, soprattutto quando parli di “letto” come se fosse il luogo in cui giudicare la natura o la qualità di una relazione. Quando tu dici “l’uomo deve amare l’uomo” ti riferisci all’amore-caritas, che siamo chiamati a dare a tutti, senza esclusività e senza discrminare l’altro in base al suo genere o al suo orientamento sessuale. Ma dimentichi l’amore romantico. Dove lo metti? Lo derubrichi a fattore marginale? Non è forse caratterizzato da esclusività? Se tu ti innamori di una donna, è solo quella. Se io mi innamoro di un uomo è solo quello. Se qualcuno si spaccherà la testa, saranno gli ignoranti e gli ipocriti.

  4. Caro Fabrizio, nel libro di Giobbe Dio dice chiaramente chi sono quelli che gli fanno schifo e non parla di «uomini nudi nello stesso letto», ma parla di quelli che pretendono di fargli dire quello che pensano loro.
    Pensaci bene. Quello che davvero fa schifo a DIo, sei tu. Te lo dico prima che tu finisca dritto all’Inferno. Conertiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...