La suora, i trans catanesi e una chiesa che non ti aspetti

Active ImageArticolo di Enrica Brocardo tratto da Vanity Fair del 16 aprile 2008

Nel quartiere San Berillo di Catania, storico luogo che ospita la prostituzione cittadina, una decina di trans sono i protagonisti di una storia che non ti aspetti. Tutto cominciò quando una suorina pachistana dell’ordine di Madre Teresa di Calcutta un giorno chiese ad alcuni di loro: “Ce la facciamo una preghiera insieme?”.
E’ cominciata così una conoscenza reciproca che ha spinto la Caritas di Catania a impegnarsi per dare ai trans del quartiere una possibilità per cambiare vita. Come dice una giovane trans «le suore, con il loro amore, ci hanno cambiate dentro».

Leggi l’articolo…

Annunci

4 pensieri su “La suora, i trans catanesi e una chiesa che non ti aspetti

  1. Questo articolo tratto da una rivista mi sembra ambiguo:mescola una suora pachistana,uno di An che ha offeso un uomo rispettabile come Prodi e il Parlamento in cui sarebbe doveroso avere un comportamento impeccabile,le trans ex prostitute,Amsterdam e gli anziani ma qual’è il punto di vista della giornalista?Ha sfumature morbose che trovo spiacevoli.

  2. Ciao Lavinia,
    come hai fatto a leggere l’articolo?
    A me il link non funziona (404)
    Saluti a tutti,
    Dino

  3. Caro Dino,purtroppo non ho quasi alcuna nessuna conoscenza di computer.Potresti chiedere ai webmasters del sito inviando un email a Gionatanews@gmail.com Sono molto bravi e gentili.Di solito io quando qualcosa non va spengo per un po’ e poi riaccendo.Mi dispiace non saperti dare una spiegazione tecnica.Un caro saluto,ciao Lavinia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...